viaggi

Erevan – Armenia – 2014

By 20 Agosto 2014 No Comments

Erevan (in armeno: Երևան?, [jɛɾɛˈvɑn], anche scritta Yeravan e Jerevan) è la capitale e la più popolosa città dell’Armenia (1 201 539 abitanti nel 1989; circa 1 127 300 nel 2012). La città, fino al 2008 equiparata ad unaprovincia (marz), è ora un comune con un consiglio comunale elettivo che nomina il sindaco.

Erevan - 2014 - 006

Storia

Le testimonianze archeologiche hanno permesso di scoprire che una fortezza militare chiamata Erebuni e risalente al regno di Urartu venne fondata dove ora sorge Erevan (Էրեբունի) nel 782 a.C., per volontà di Argistis I. Da allora, tale luogo è sempre stato di fondamentale importanza strategica in quanto crocevia delle rotte carovaniere che collegavano l’Europa all’India. Il centro abitato fu chiamato Erevan a partire dal VII secolo a.C., quando divenne la capitale armena al tempo della dominazione persiana.

Proprio a causa della sua importanza strategica, Jerevan fu a lungo contesa tra la Persia e l’impero ottomano. Nel1827 fu occupata dall’Impero russo e formalmente ceduta a questa dalla Persia nel 1828. Dopo la rivoluzione del 1917, fu per tre anni la capitale dell’Armenia indipendente, per diventare nel 1920 la capitale della Repubblica Socialista Sovietica armena. In seguito al collasso dell’Unione Sovietica, nel 1991 Erevan divenne la capitale della neonata repubblica armena.

 

Geografia

Erevan sorge sulle rive del fiume Hrazdan, a quasi 1.000 m s.l.m. È locata nella zona centro-occidentale dello stato, non lontana dal confine con la Turchia ed alle pendici del monte Ararat.

 

Cultura

Erevan è uno dei maggiori centri industriali, culturali e scientifici del Caucaso. In qualità di centro principale della cultura armena, ospita l’Università Statale di Erevan (fondata nel 1920), l’Accademia Armena delle Scienze, un museo storico, un’opera house, un conservatorio musicale e vari istituti tecnologici. Gli archivi Matenadaran conservano una ricca collezione di preziosi manoscritti armeni, greci, siriani, ebraici, persiani e romani. Jerevan ha molte biblioteche pubbliche, vari musei, teatri, orti botanici e zoo. È inoltre lo snodo di un’estesa rete ferroviaria e un importante mercato agricolo. Infine, le industrie situate nella città producono metalli, tessuti, prodotti alimentari e utensili meccanici, elettronici e chimici.

In quanto capitale di un Paese il cui popolo ha subito il genocidio del 1915-’16 nel deserto dell’Anatolia, Erevan ospita un importante museo del Metz Yeghern (Il Grande Male), comprensivo di un Memoriale dedicato ai Giusti che vi si sono opposti. All’interno del Giardino dei Giusti di Erevan, nel Muro della Memoria, sono tumulati pugni di terra delle tombe di grandi personalità che si sono mosse per aiutare gli Armeni e per testimoniare della loro persecuzione. Tra queste personalità si ricordano Giacomo Gorrini, Karen Jeppe, Anatole France, Fritjof Nansen, Armin Wegner e molti altri.

Erevan - 2014 - 017

Suddivisione amministrativa

Il territorio di Erevan è suddiviso in 12 distretti che fino al 2008 erano equiparati a dei Comuni. Ciascun distretto è costituito da uno o più quartieri.

Ajapnyak
Arabkir
Avan
Davtashen
Erebuni
Kentron
Malatia-Sebastia
Nor Nork
Nork Marash
Nubarashen
Qanaqer-Zeytun
Shengavit

Erevan - 2014 - 028

Architetture

Torre della televisione di Erevan

 Erevan - 2014 - 033

Turismo

Fra le principali attrazioni turistiche, le rovine di due fortezze: una risalente al regno di Urartu, l’altra romana.

 

Trasporti

L’aeroporto Zvartnots serve Erevan. La città è inoltre dotata di una rete metropolitana e tranviaria.

Erevan - 2014 - 094

Sport

Lo sport più popolare e giocato ad Erevan è il calcio. La città è sede di molte squadre, tra cui quelle principali sono:

  • Ararat Erevan
  • Banants Erevan
  • Kilikia Erevan
  • Uliss Erevan
  • MIKA Erevan
  • Pyunik Erevan
  • Erevan United

Erevan ha un totale di 9 stadi di calcio: Armenia Sports Stadium, Stadio Repubblicano Vazgen Sargsyan, Alashkert Stadium, Erebuni Stadium, Hrazdan Stadium (il più grande della città e dell’intero paese), Pyunik Stadium, Banants Stadium, Mika Stadium e il Football Academy Stadium.

La più grande arena al coperto della città e dell’intero paese è il complesso “Karen Demirchyan”, in gran parte utilizzato per le partite di hockey su ghiaccio e spettacoli di pattinaggio artistico. I palazzetti Dinamo e Mika ospitano regolari competizioni nazionali e regionali di basket, pallavolo, pallamano e futsal.

L’Armenia ha sempre eccelso nel gioco degli scacchi: la sede della Federazione Scacchi di Armenia si trova nella Casa degli Scacchi “Tigran Petrosian”. La città è sede di un gran numero di club di scacchi. Nel 1996, nonostante le gravi condizioni economiche del paese, Erevan ha ospitato le 32° Olimpiadi degli scacchi. Nel 2006, quattro membri di Yerevan della squadra di scacchi armena hanno vinto le 37° Olimpiadi degli Scacchi di Torino e ripetuto l’impresa alle 38° Olimpiadi a Dresda. L’Armenia ha poi vinto per la 3ª volta le Olimpiadi degli Scacchi nel 2012 a Istanbul. Il leader della squadra nazionale di scacchi, Levon Aronian,è uno dei migliori giocatori di scacchi al mondo.

Il velodromo di Erevan è stato inaugurato nel 2011 e il tracciato esterno è di livello internazionale. La città è anche sede di un grande centro equestre intitolato a Hovik Hayrapetyan.

Erevan - 2014 - 122

 


Qui di seguito l’intera gallery su Erevan


No Images.
Please upload images in images manager section. Click on Manage Images button on the right side of the gallery settings.
Please make sure that you didn't enabled option: Images of the Current Gallery. Option should have Show value to show images.

 

Luciano Blancato

Luciano Blancato

Catanese d'adozione ma siciliano DOC. Adoro viaggiare ✈, fotografare 📸 e condividere tutto quello che vedo sui miei canali social! Vivo in Sicilia e nella vita sono un Information Technology Manager 🖥. Il mio blog? Un posto diversi da tanti altri. Travel Blogger per necessità! 🙂 Influencer per gioco! 😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.