articolo aggiornato al 1 Marzo 2020

Senza dubbio la situazione di questi giorni è molto difficile e instabile. Dopo aver deciso se partire o meno, vi consiglio di informarvi se la vostra destinazione prevede o meno delle restrizioni!

Per prima cosa, quindi, vi consiglio di visitare i siti istituzionali, primo tra tutti quello del Ministero degli Esteri del Governo Italiano. Oppure il portale dedicato, Viaggiare Sicuri o l’apposita APP (Android e iOS).

FRANCIA
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive : Al fine di contenere la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità francesi raccomandano ai cittadini francesi provenienti dalle regioni della Lombardia e del Veneto, nei 14 giorni dal rientro in Francia, di: monitorare la temperatura due volte al giorno, indossare una maschera chirurgica in pubblico, ridurre le attività non essenziali (quali cinema, ristorante, feste) e la frequentazione di luoghi dove si può venire in contatto con categorie sensibili (malati ospedalieri, donne in stato di gravidanza, persone anziane), lavarsi le mani regolarmente. In caso di febbre, tosse o difficoltà respiratorie, si raccomanda di contattare il centro SAMU 15, segnalando la propria storia di viaggio e di non recarsi direttamente dal medico o al pronto soccorso. Qualora venga rilevato un contagio, le persone che convivono con la persona contagiata dovranno osservare una quarantena domiciliare per 14 giorni. Tali misure, rivolte ai cittadini francesi, possono essere estese anche ai cittadini italiani e a chiunque provenga dalle regioni della Lombardia e del Veneto. Queste indicazioni potrebbero variare con scarso o nessun preavviso, si raccomanda pertanto di verificare direttamente al seguente link: https://www.diplomatie.gouv.fr/fr/conseils-aux-voyageurs/conseils-par-pays-destination/italie/#
GERMANIA
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive-Aggiornamento. : Al fine di contenere la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità tedesche invitano tutti coloro che sono nel paese e che negli ultimi 14 giorni siano entrati in contatto con persone di cui sia provata l’infezione da coronavirus a prendere immediatamente contatto telefonico con le competenti autorità sanitarie, indipendentemente dall’insorgenza di sintomi. Coloro che nello stesso periodo abbiano viaggiato nelle aree considerate a rischio (la Regione Lombardia e il Comune di Vo Euganeo) sono invitati a rimanere precauzionalmente presso il proprio domicilio e ad evitare i contatti non necessari con altre persone. Nel caso compaiano sintomi acuti respiratori, tali soggetti sono invitati a contattare telefonicamente le autorità sanitarie locali. Infine, le persone che abbiano viaggiato in aree diverse da quelle definite a rischio, ma nelle quali si sono registrati contagi da Coronavirus, sono invitate a rivolgersi telefonicamente ad un medico (segnalando il viaggio effettuato) soltanto nel caso abbiano sviluppato sintomi da Covid-19 entro 14 giorni dall’ingresso in Germania. Le autorità tedesche hanno annunciato inoltre che i viaggiatori provenienti dalla Cina, dalla Corea del Sud, dal Giappone, dall’Iran e dall’Italia settentrionale saranno tenuti a comunicare i loro dati e gli spostamenti effettuati attraverso un’apposita carta di sbarco (Aussteigerkarte), in modo da poter essere contattati rapidamente in caso di necessità. Il sistema verrà progressivamente esteso anche a treni e autobus transfrontalieri mentre risulta già in atto per la compagnie di navigazione.
SPAGNA
al momento, nessuna restrizione
PORTOGALLO
al momento, nessuna restrizione
REGNO UNITO
Bandiera UK - GB
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive. : Al fine di contenere la diffusione del COVID-19, il Governo britannico raccomanda a chi entri in Regno Unito dall’Iran, dai comuni del Veneto e della Lombardia oggetto di ordinanze restrittive, dalle “zone di attenzione speciale” della Corea del Sud o dalla Provincia dell’Hubei, di rimanere all’interno della propria abitazione, evitando contatti con l’esterno, e di rivolgersi al numero 111 del sistema sanitario nazionale, NHS, anche nel caso in cui non si presentino sintomi del COVID-19, per fornire informazioni sulla propria storia di viaggio. Per coloro che entrano nel Regno Unito provenendo dal resto della Cina, Regioni Amministrative di Hong Kong e Macao, Thailandia, Giappone, altre aree della Corea del Sud, Taiwan, Singapore, Malesia nei 14 giorni precedenti l’arrivo in UK, nel caso in cui si sviluppino sintomi simil-influenzali, le autorità locali raccomandano di ugualmente di rimanere in casa e di contattare il 111 per riferire la propria storia di viaggio. Infine, per i viaggiatori che entrino nel Regno Unito, dal 19 febbraio, avendo viaggiato nell’Italia del Nord (definita da una linea immaginaria tracciata in modo tale da non includere le città di Pisa, Firenze e Rimini), ovvero in Vietnam, Cambogia, Laos o Thailandia, nel caso in cui non si sviluppino sintomi compatibili con COVID-19, non è necessario rimanere in isolamento né contattare il 111. Poiché queste misure sono suscettibili di cambiamenti con scarso o nessun preavviso, si raccomanda di consultare direttamente l’approfondimento del Governo britannico sulla situazione Coronavirus e sulle misure adottate nei confronti dei viaggiatori, al link: https://www.gov.uk/guidance/wuhan-novel-coronavirus-information-for-the-public#history
IRLANDA
Bandiera Irlanda - IE
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive: Al fine di contenere la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), il Governo irlandese rivolge alcune raccomandazioni a chi sia stato nel corso degli ultimi 14 giorni, prima dell’arrivo nel Paese, in una delle aree colpite, che includono al momento Cina, Corea del Sud, Giappone, Singapore, Hong Kong, Iran e le quattro regioni italiane della Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna e Piemonte. In particolare, chiunque presenti sintomi di contagio da COVID-19 è invitato a mettersi in auto-isolamento e contattare il medico di base. Lo stesso è richiesto a chi, negli ultimi 14 giorni, sia stato a stretto contatto con casi confermati di contagio da COVID 19 oppure abbia visitato una struttura sanitaria dove siano stati ricoverati pazienti affetti da COVID-19. Chi si è recato in una delle citate zone colpite negli ultimi 14 giorni e non presenti sintomi non deve mettersi in auto-isolamento, ma è invitato comunque a contattare il servizio sanitario irlandese per ulteriori informazioni, visitando in primo luogo il sito www.hse.ie oppure telefonicamente al numero 1850 24 1850. Poiché queste misure sono suscettibili di cambiamenti con scarso preavviso, si raccomanda di consultare direttamente l’approfondimento del Governo irlandese sulla situazione Coronavirus e sulle misure adottate nei confronti dei viaggiatori, al link: https://www.gov.ie/en/campaigns/c36c85-covid-19-coronavirus/
ISLANDA
Bandiera Islanda - IS
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive. Aggiornamento : Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità islandesi raccomandano a tutti i viaggiatori, nel caso in cui si sviluppino sintomi di infezione respiratoria durante il soggiorno in Islanda, di contattare la Guardia Medica (Læknavaktin) al numero di telefono1700 o il più vicino medico di base (Heilsugaeslan). Le autorità islandesi raccomandano di non presentarsi presso alcun ambulatorio senza preavviso. Per informazioni sul COVID-19 (nuovo coronavirus), consultare il Focus di questo sito.
ARMENIA
Bandiera Armenia - AM
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive. : Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le autorità armene hanno disposto la chiusura provvisoria della frontiera terrestre e la sospensione dei voli con l’Iran. Sono inoltre previsti controlli della temperatura corporea per tutti i passeggeri in arrivo all’aeroporto internazionale di Jerevan.
AUSTRIA
al momento nessuna restrizione.
AUSTRALIA
Nuovo Coronavirus-Restrizioni all’ingresso: Al fine di scongiurare la diffusione del nuovo coronavirus (2019-nCov) nel Paese, dal 1 Febbraio 2020 il Governo australiano ha annunciato che tutti i viaggiatori provenienti da qualunque parte della Cina, indipendentemente dalla propria nazionalità, saranno sottoposti a controlli di sicurezza maggiori. Le Autorità locali negano inoltre l’ingresso a chiunque abbia soggiornato in Cina o vi sia transitato nei 14 giorni precedenti. Fanno eccezione i cittadini australiani, i residenti permanenti e i familiari prossimi di cittadini australiani, compresi coniugi, minori e tutori legali. Sono previste altre specifiche eccezioni, per le quali si invita a consultare il sito https://www.abf.gov.au/news-media/archive/article?itemId=354.
BELGIO
nessuna restrizione al momento.
BULGARIA
Covid-19 (nuovo coronavirus). Misure di contenimento. Aggiornamento: Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus) nel Paese, le autorità locali hanno rafforzato i controlli sanitari all’Aeroporto di Sofia (Terminal 1 e 2) nonché ai principali aeroporti di transito di Varna, Burgas e Plovdiv, nei confronti di tutti i passeggeri in arrivo, con particolare attenzione a quelli provenienti dalla Cina continentale e dall’Italia. A tutti i passeggeri provenienti da tutte le Regioni italiane (sintomatici ed asintomatici) è richiesta all’arrivo la compilazione di un questionario, in presenza di un ispettore sanitario, dichiarando le proprie generalità e se si avvertono dei sintomi. Tutti i passeggeri vengono invitati ad osservare una quarantena al proprio domicilio nel Paese. Diverse Università, scuole e datori di lavoro privati richiedono a coloro che abbiano recentemente fatto rientro dall’Italia di osservare un periodo di quarantena domiciliare. Tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina vengono sottoposti a misurazione della temperatura e devono compilare un formulario per la raccolta dei dati. Tutti i passeggeri vengono poi invitati ad osservare una quarantena al proprio domicilio nel Paese. Per i passeggeri provenienti dalla Cina che presenteranno alcuni sintomi (ad esempio temperatura corporea superiore a 37 gradi), le autorità locali disporranno la quarantena ospedaliera. In caso di febbre alta o tosse, verificatesi successivamente all’ingresso nel Paese, si dovrà contattare il numero di emergenza 112 o un medico di base. Le autorità locali raccomandano di non recarsi direttamente all’ospedale senza aver prima preso contatto con il medico. Per tutti i passeggeri in arrivo in Bulgaria che presentassero temperatura corporea superiore ai 37 gradi è prevista una consultazione nella struttura sanitaria specializzata istituita in Aeroporto. La compagnia Air Bulgaria ha comunicato la cancellazione dei voli da e per Milano fino al 27 marzo.
BRASILE
COVID-19 (nuovo cornavirus): Restrizioni all’ngresso: Al fine di prevenire la diffusione del coronavirus, l’Anvisa (Agenzia nazionale di vigilanza sanitaria del Ministero della salute brasiliano) ha adottato una procedura di controllo sui voli diretti in arrivo dall’Italia presso l’Aeroporto internazionale di San Paolo, che prevede la salita a bordo di alcuni ispettori dell’agenzia, la formulazione di una serie di domande a fini di sanità pubblica, in particolare all’equipaggio, e la lettura, da parte del personale di bordo ai passeggeri, prima dello sbarco, di un messaggio informativo che richiama misure preventive per evitare la trasmissione della malattia e la necessità di rivolgersi ad un medico nel caso in cui si registrino sintomi quali febbre, tosse o difficoltà respiratori
ARGENTINA
Covid-19 (Nuovo coronavirus) – Misure di prevenzione: A seguito della diffusione del Covid-19 (Nuovo coronavirus), le Autorità argentine hanno adottato misure di prevenzione. Per i passeggeri in arrivo dall’Italia è prevista la firma di un’apposita autodichiarazione per ogni passeggero, nonché controlli a campione della temperatura corporea. Il Ministero della Salute argentino ha indirizzato apposite raccomandazioni alle Autorità aeroportuali locali, consultabili al seguente link https://www.argentina.gob.ar/coronavirus-recomendaciones-para-aeropuertos-puertos-y-pasos-fronterizos ed ha pubblicato le principali informazioni e misure precauzionali sul proprio sito al seguente link: https://www.argentina.gob.ar/salud/coronavirus
STATI UNITI
COVID-19 (Nuovo coronavirus). Misure di contenimento. Aggiornamento: Le Autorità locali, al fine di fronteggiare la diffusione del coronavirus nel Paese, hanno dichiarato lo stato di emergenza sanitaria. Alla luce del numero di casi registrati in Italia e del progressivo innalzamento del livello di allerta da parte degli Stati Uniti in merito ai viaggi in Italia (attualmente livello di allerta 4 per le regioni maggiormente colpite, Lombardia e Veneto, e livello 3 per il resto del Paese) alcune compagnie aeree stanno riducendo o sospendendo i voli da/per l’Italia. Si raccomanda quindi di verificare sempre con la propria compagnia aerea, prima di recarsi in aeroporto, l’effettiva operatività del volo. I passeggeri provenienti da località a rischio coronavirus, ivi inclusa l’Italia, potranno inoltre essere sottoposti a screening sanitari sia negli aeroporti di partenza che all’arrivo negli USA. Durante i controlli in partenza (controllo termico, valutazione medica, questionario con la storia di viaggio), in caso di sintomi o di casi sospetti, potrà essere negato l’imbarco. All’arrivo, per i passeggeri sintomatici sarà disposto l’isolamento, mentre per gli asintomatici le autorità si riservano la facoltà di imporre una quarantena domiciliare di 14 giorni. Si raccomanda di seguire le indicazioni delle autorità di frontiera. In forza della dichiarazione di stato di emergenza, inoltre, da domenica 2 febbraio alle ore 17.00 (ora locale della costa est) a tutti i cittadini non americani che nei 14 giorni precedenti l’arrivo negli USA abbiano soggiornato in Cina, ad esclusione delle Regioni Autonome Speciali di Hong Kong e Macao, sarà precluso l’ingresso negli Stati Uniti. Per i cittadini americani, per coloro che hanno la residenza permanente negli Stati Uniti e per le rispettive famiglie, è previsto invece un trattamento differenziato, per il quale si rimanda al sito web del Department of Health (www.hhs.gov). Inoltre, tutti i voli provenienti dalla Cina saranno indirizzati verso 7 aeroporti (JFK New York, O’Hare Chicago, San Francisco, Los Angeles, Seattle, Atlanta e Honolulu), dove i passeggeri in transito dovranno sostenere gli screening medici prima di poter continuare verso la loro destinazione finale.
EGITTO
COVID-19 (nuovo coronavirus). Controlli all’ingresso-Aggiornamento. : Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus), le Autorità egiziane hanno disposto l’introduzione di controlli medici per tutti i passeggeri in arrivo dalla Cina (Cina continentale, Regioni Amministrative di Macao e Hong Kong), Taiwan, Tailandia, Giappone, Malesia, Vietnam, Corea del Sud e Singapore e anche per tutti i passeggeri provenienti dall’Italia. I controlli medici si sostanziano nella rilevazione della temperatura corporea e, nel caso in cui il paziente presenti febbre alta, nel ricovero urgente in ospedale e successivo isolamento. E’ inoltre richiesta la compilazione di un tesserino con i dati del passeggero e i recapiti di residenza in Egitto. La compagnia di bandiera egiziana Egyptair ha inoltre sospeso i voli da/per la Cina sino al 29 febbraio, ma la misura potrebbe essere prorogata fino al 12 marzo. Si consiglia di contattare la Compagnia aerea, prima di mettersi in viaggio.
RUSSIA
Covid-19 (nuovo coronavirus) – Misure restrittive. Aggiornamento: Le autorità locali, nell’ambito del piano nazionale per la prevenzione della diffusione del COVID 19 (nuovo coronavirus), hanno adottato misure restrittive per l’ingresso nel Paese. A partire dall’1 marzo p.v., anche i voli da e per l’Italia, Iran e Corea del Sud, così come già quelli da e per la Cina saranno concentrati al terminal “F” dell’aeroporto internazionale di Sheremetevo, il principale scalo aeroportuale della città di Mosca. Tutti i passeggeri in arrivo e partenza, inclusi i passeggeri italiani, saranno sottoposti a controllo in remoto della temperatura corporea con l’utilizzo di termo-camere portatili e fisse. Ove un passeggero dovesse presentare una temperatura corporea ritenuta elevata dalle autorità sanitarie o qualsiasi altro sintomo simil-influenzale anche lieve, lo stesso sarà immediatamente oggetto di ulteriori controlli sanitari da parte di un apposito team medico presente presso lo scalo aeroportuale. Le autorità russe potranno poi disporre ulteriori misure di tutela. E’ stata chiusa la frontiera terrestre con la Cina e interrotto il trasporto ferroviario di passeggeri tra i due Paesi (inclusa la tratta transmongolica tra Mosca e Pechino), nonché tra Russia e Corea del Nord. Dal 28 gennaio è stato vietato l’ingresso ai gruppi turistici provenienti dalla Cina e dal 19 febbraio il divieto è stato esteso a tutti i cittadini cinesi in arrivo in Russia per motivi privati, di lavoro, studio e turismo. È stata, inoltre, sospesa l’emissione di visti elettronici (in vigore da qualche mese solo per San Pietroburgo) ai cittadini cinesi. Nell’ambito dei trasporti aerei, a partire dal primo febbraio, sono stati ridotti a cinque i vettori autorizzati ad operare con la Cina (Aeroflot, Air China, Hainan Airlines, China Eastern Airlines e China Southern Airlines). Le Autorità di Mosca (che e’ soggetto autonomo della Federazione Russa e dal quale dipendono la polizia aeroportuale e il personale sanitario negli aeroporti locali) si riservano la facoltà di richiedere a tutte le persone in arrivo dalla Cina di osservare una “auto-quarantena” di 14 giorni. Tale misura potrebbe essere estesa anche ad altri viaggiatori provenienti da zone a rischio. Per eventuali emergenze è possibile contattare Ambasciata d’Italia a Mosca al numero +79150902671
FINLANDIA
Al momento non è presente nessuna restrizione.
TURCHIA
Covid-19 (nuovo coronavirus). Misure di contenimento. Aggiornamento: Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19 (nuovo coronavirus) nel Paese, in ragione dei casi registrati in Iran, in Italia e in Corea del Sud, le autorità locali hanno disposto fino a nuovo ordine la sospensione del traffico aereo con questi Paesi. In particolare, a partire dalle ore 24:00 del 29 febbraio 2020, le autorità turche hanno sospeso le autorizzazioni a tutti vettori di provenienti dall’Italia per nuovi voli destinati al trasporto passeggeri. Sarà invece possibile, dalla stessa data, che gli aerei passeggeri provenienti dall’Italia raggiungano la Turchia vuoti, per caricare i passeggeri di qualsiasi nazionalità destinati ad uscire dal Paese. Anche le compagnie aeree turche potranno partire dalla Turchia e raggiungere l’Italia ma, nella tratta di ritorno in Turchia, potranno caricare a bordo esclusivamente cittadini turchi, ai quali, all’arrivo in Turchia, potrà essere applicata la misura della quarantena. Le compagnie aeree turche o straniere che organizzeranno voli dall’estero verso la Turchia non dovranno accettare sui propri voli passeggeri che abbiano viaggiato negli ultimi 14 giorni in Cina, Iran, Irak, Italia e Corea del Sud. I passeggeri in arrivo in Turchia che abbiano viaggiato negli ultimi 14 giorni in Cina, Iran, Irak, Italia e Corea del Sud potranno essere respinti alla frontiera. Le autorità locali hanno inoltre rafforzato i controlli sanitari aeroportuali. In particolare, sono stati attivati ad Istanbul i termoscanner per la misura della temperatura corporea. Nel caso in cui vengano rilevati sintomi compatibili con il COVID-19, le autorità sanitarie locali possono disporre l’applicazione di ulteriori misure sanitarie di tutela. Per maggiori informazioni sul nuovo coronavirus, consultare il Focus Coronavirus di questo sito.
UNGHERIA
Bandiera Ungheria - HU
COVID-19 (nuovo coronavirus). Misure preventive. : Al fine di prevenire la diffusione del COVID-19, le autorità locali hanno introdotto l’utilizzo di scanner termici negli aeroporti internazionali di Budapest e Debrecen, per i passeggeri in arrivo da Lombardia e Veneto, con ricorso a misure di quarantena in caso di riscontro di sintomi compatibili con il COVID-19. Dal 26 febbraio sono stati inoltre introdotti controlli sanitari anche alle frontiere terrestri.
articolo aggiornato al 1 Marzo 2020
Luciano Blancato

Luciano Blancato

Catanese d'adozione ma siciliano DOC. Adoro viaggiare ✈, fotografare 📸 e condividere tutto quello che vedo sui miei canali social! Vivo in Sicilia e nella vita sono un Information Technology Manager 🖥. Il mio blog? Un posto diversi da tanti altri. Travel Blogger per necessità! 🙂 Influencer per gioco! 😀

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.